Dedicato alla memoria di Yoshinobu Nishizaki

1974. Il Manga di Akira Hio. Parte 2












Abbiamo lasciato l’equipaggio della Yamato alle prese con mostri ributtanti e misteriose creature spaziali. L’astronave è ora a metà strada per raggiungere Iscandar e il tempo stringe. Riusciranno i Guerrieri delle Stelle a portare a termine la missione anche in questo lavoro scritto e illustrato da Akira Hio?
Quali sorprese ci rivelerà la sceneggiatura ideata dall’autore?


Riprendiamo dalla seconda parte del volume 2


Furioso per il continuo fallimento dei suoi ufficiali, Desslok ordina a Romel e a Geru di sferrare un attacco decisivo contro la Yamato. 
La battaglia tra il generale gamilonese e l'astronave terrestre è rappresentata in ogni dettaglio e occupa ben 30 pagine del volume. Le flotte combinate dei due generali gamilonesi impegnano i Guerrieri delle Stelle in un duro combattimento. Messa alle strette e schiacciata da tanta potenza, la gloriosa corazzata si trova a mal partito.
Improvvisamente, Capitan Harlock s'inserisce nella battaglia e le sorti dello scontro si rovesciano! 

La Yamato ritorna su Balan in cerca di un luogo sicuro dove rifugiarsi. 
Immergendosi nel mare del pianeta e assediata dalle bombe di profondità dei gamilonesi, la corazzata è di nuovo in difficoltà, ma un evento impensabile rovescia la situazione in favore dei terrestri: come nel remake del 2012, Hyss richiama improvvisamente Romel su Gamilas lasciando a Geru il compito di distruggere la corazzata terrestre. Approfittando dell’improvvisa ritirata di Romel, la Yamato scatena il suo contrattacco e le navi di Geru si ritrovano a mal partito.

nota. La battaglia su Balan ricorda per molti versi lo scontro avvenuto su Plutone nell'episodio 8 della serie televisiva. Il cannone laser a disposizione dei gamilonesi posto nella base situata nelle vicinanze di Balan e l’attacco sottomarino ai danni della Yamato, sono un richiamo evidente a quell episodio.

Ormeggiato su Balan, l’equipaggio terrestre ha infine modo di conoscere il fantomatico Capitan Harlock. 
Il misterioso capitano rivela di non averli aiutati per altruismo ma solo perché pagato per sbarazzarsi dei gamilonesi. (infatti vediamo l’equipaggio di Harlock risalire sulla nave con delle casse colme di denaro). 
Kodai e gli altri sono esterrefatti.
Harlock li saluta ma qualcosa sembra impensierirlo. Che cosa c’è che il capitano si è rifiutato di rivelare ai terrestri?
Okita intanto è colto da un nuovo malore e la Yamato lascia Balan con l’amarezza nel cuore e in ansia per la salute del proprio capitano.
Con queste preoccupazioni Hio termina il volume 2 della sua trilogia lasciandosi alle spalle molte domande rimaste insolute: chi è questo Capitan Harlock che si fa pagare per i suoi servigi? E perché Hyss ha improvvisamente richiamato Romel? Che cosa sta succedendo su Gamilas?


Altri lavori di Akira Hio: cover di
"Saraba Uchuu Senkan Yamato" Vol 1 
Passiamo ora al volume 3.
Mentre l’equipaggio esprime incertezze circa il successo della missione (Kodai e Shima discutono animatamente), una cospirazione è in corso su Gamilas. 
Dessler è furioso per la sconfitta di Balan e Hiss scarica tutta la colpa su Romel accusandolo di tradimento. 
La Yamato intanto è di nuovo sotto l’attacco di Geru. 
Nel momento critico Okita è colto da un serio malore e il comando della nave passa a Kodai appena nominato vice capitano; ora il giovane deve prendere le decisioni più difficili di tutta la sua vita. 
Il massiccio attacco all'astronave prosegue: la Yamato è circondata da pericolose portaerei, ma risponde facendo fuoco con tutto l’arsenale a propria disposizione.

Scampati al pericolo, i Guerrieri delle Stelle si avvicinano al pianeta Gelnium quando, improvvisamente, rilevano la presenza di un gigantesco missile che si dirige contro di loro (la forma ricorda molto quella del razzo lanciato da Plutone nell'episodio 3 ma è di dimensioni leggermente minori). Wildstar/Kodai apre il fuoco con la batterie, ma i colpi vengono deviati dall'effetto rotatorio dell’ordigno. È il panico: Shima è il primo a perdere la calma. La corsa del missile è inarrestabile e si scatena il peggio: il razzo trivella sperona la Yamato e va a conficcarsi a prua sotto lo scafo in prossimità del ponte n° 3.

nota 1. Questa parte del manga è stata stesa da Hio pressappoco nello stesso periodo in cui era in preparazione l’episodio 21 della serie televisiva (quella del missile perforante lanciato nella bocca da fuoco del cannone a onde moventi); lo storyboard dell’episodio scritto da Yoshikazu Yasuhiko sarebbe stato trasmesso in tv appena 3 giorni dopo l’uscita del manga di Hio il 23 febbraio 1975.

nota 2. Dal momento che Romel è stato richiamato su Gamilas, in questa fase della storia è assente tutta la preparazione della battaglia che si sarebbe consumata nella “galassia dell’arcobaleno" nella quale Domel o ( Romel in questo caso) sfidava la Yamato a una resa dei conti. Assenti anche il Materia-Transporter (o SMITE) e le 4 astronavi-madre con i relativi 4 veterani dell’impero agli ordini di Lysis.
Anche qui come nell anime è Sanada ed escogitare l’idea della retromarcia, ma qui non assistiamo all'operato di Sanada, vediamo subito il missile uscire dallo scafo a marcia indietro che, anziché colpire le navi gamilonesi, ritorna dritto verso il pianeta Gelnium.
Geru ha fallito, ma non demorde: lo scontro riprende, ma la Yamato esce vittoriosa anche da questa battaglia e il generale è costretto a tornare su Gamilas con la coda tra le gambe.


Altri lavori di Akira Hio: cover di
"Saraba Uchuu Senkan Yamato" Vol 2
Su Gamilas, intanto, le cose stanno precipitando. 
La tensione è alta e si teme che debba accadere qualcosa di spiacevole da un momento all’altro. 
La bravura di Hio nel suscitare tensione nell'animo del lettore è magistrale: vediamo i volti dei generali gamilonesi tesi come corde di violino e lo stesso Desslok sembra tutt’altro che lucido.
Il colpo di scena appare quando il Supremo, seduto sul trono, è prontamente fulminato e ucciso! A questo punto Hiss e Geru giocano a carte scoperte e si rivelano come i veri autori del complotto.
Adesso che hanno in mano il potere pretendono che le forze di Gamilas obbediscano ai loro comandi.
Ma il giubilo dura poco. Romel e Desslok, scortati da donne soldato, irrompono improvvisamente nella sala del trono raggelando i due generali. Desslok non è morto, ha usato un sosia per smascherare gli autori del complotto che vengono giustiziati seduta stante. 
A Romel viene restituito il comando.

nota 3. Non sarà sfuggita a nessuno la somiglianza di questa parte del manga di Hio con la sceneggiatura del remake del 2012 (di sicuro l' ispiratrice dell’episodio 18 della nuova serie).
Desslok, qui come nell anime, manda a morire un sosia come "carne da macello". Nel remake, invece di Domel ancora imprigionato su Reptapoda, troviamo al fianco del Supremo il capitano Frakken, assente nella sceneggiatura originale e ripescato dalla Serie III del 1980. Da sottolineare anche la presenza di donne soldato o di "valchirie" tra le guardie del corpo di Desslok che non sono solo una "trovata moderna e d'attualità" inserita così all'ultimo momento, ma si tratta di una scelta ben ponderata e concretizzata dallo stesso Hio gia 40 anni fa. 

Sulla Yamato, intanto, accadono cose inquietanti: alcuni membri dell'equipaggio muoiono misteriosamente trafitti da lunghi e acuminati aghi che escono dai loro corpi. Kodai e Analyzer scoprono che la responsabile di questi efferati assassinii è un’aliena di nome Iroze capace addirittura di attraversare le pareti d’acciaio dell’astronave. Si scatena così uno scontro a fuoco tra la donna e Kodai fino a quando quest’ultimo ha la meglio su di lei.

nota 4. Anche qui allo spettatore non può sfuggire la similitudine tra questo agente gamilonese e la telepate Mirenelle Linke di Yamato 2199.

La Yamato si trova in prossimità di Iscandar.
Il capitano Okita ormai allo stremo delle forze, ha appena il tempo di ringraziare il proprio equipaggio per l'abnegazione con cui ha svolto la missione, quando improvvisamente si accascia sulla sua postazione e muore davanti agli occhi disperati dei membri della plancia di comando.

 Altri lavori di Akira Hio:
cover del "Il Nuovo Viaggio" 
La salma dell’anziano capitano viene riposta, tra la commozione dell'equipaggio, in una capsula e lanciata nello spazio. È lo stesso Kodai a premere il pulsante che espelle il modulo dalla nave. 
Wildstar/Kodai è ufficialmente il nuovo capitano della Yamato.
Ora è tempo che l’astronave porti a temine la missione e raggiunga Iscandar. Mentre si dirige verso il pianeta di Starsha, la nave si trova davanti ad un mondo sconosciuto. È Gamilas! Ma non è solo con la sorpresa che Kodai deve vedersela, infatti deve affrontare anche le truppe di Romel, che inaspettatamente, li sta attendendo a poca distanza da Gamilas.

La battaglia è rappresentata in ogni dettaglio; Hio supera sé stesso estendendo le fasi del combattimento in ben 50 pagine del manga. 
Lo scontro arriva poi ad un punto critico. Ancora una volta, sarà Harlock a dar manforte ai terrestri. 
Alla fine dello scontro Harlock uccide Romel, ma il suo vascello rimane gravemente danneggiato mentre il resto della flotta verrà poi distrutto dal cannone a onde moventi della Yamato.
Ma la battaglia non è ancora finita. È ora di chiudere i conti una volta per sempre. 
La Yamato fa quindi rotta su Gamilas. Desslok non si aspettava una simile controffensiva e svuota i suoi arsenali sull'astronave terrestre. Come nell'episodio 24 dell anime, la Yamato è bersagliata da ogni parte dai missili gamilonesi, ma Kodai non demorde e ordina ai suoi uomini di bombardare a tappeto la superficie dove ha sede la capitale, infine lascia Gamilas e raggiunge Iscandar.

Scesi sul pianeta, i Guerrieri delle Stelle si trovano davanti la regina Starsha che li accoglie al loro arrivo “vestita” solo di un lungo abito trasparente dietro cui è visibile praticamente tutto. Nessuno rimane sbalordito dalla noncuranza di Starsha nel mostrarsi così disinvolta e discinta davanti a i membri maschili dell’equipaggio. Nemmeno Kodai ci fa caso e, per nulla colpito dalle bellezze di Starsha, le comunica subito la morte della sorella.
Hio non perde tempo su Iscandar; la permanenza della Yamato sul pianeta della speranza è limitato a sole 10 pagine del manga. Il Cosmo Cleaner donato da Starsha non è certo quel mastodonte di tecnologia della serie tv e i suoi componenti sono limitati solo a un paio di piccole scatole.
L'equipaggio decolla piangendo lacrime di gioia per aver portato a termine la missione.

Altri lavori di Akira Hio:
cover di "Yamato Per Sempre" Vol 1 
Altri lavori di Akira Hio:
cover di "Yamato Per Sempre" Vol 2 
Il viaggio di ritorno comincia.
Mentre la Yamato si allontana dal pianeta accade una cosa inaspettata: Iscandar esplode alle sue spalle! È stata Starsha (come nel finale del Nuovo Viaggio) ad attivare il congegno di autodistruzione del pianeta. 
L’equipaggio è sbigottito.

Ora rimane solo un nemico da affrontare: Desslok, sfuggito alla distruzione di Gamilas, è pronto per un ultimo disperato attacco.
La Yamato risponde al fuoco distruggendo le poche navi gamilonesi a disposizione del Supremo che, non ancora soddisfatto, tenta di speronare la nave terrestre. Kodai cerca in tutti i modi di evitare la collisione, ma alla fine l’ammiraglia gamilonese riesce a colpirla su una fiancata.
In difesa della Yamato giunge nuovamente Capitan Harlock. 
Il coraggioso capitano si butta nella mischia tentando in ogni modo di salvare la nave di quello che in realtà è suo fratello minore. Sì! Capitan Harlock è in realtà Mamoru Kodai.
Desslok muore nello scontro e i due fratelli possono finalmente ritrovarsi. Tuttavia Mamoru non torna sulla Terra con il fratello, ma decide di continuare il proprio viaggio attraverso il mare delle stelle.
La Yamato torna a casa e Kodai e Yuki possono sognare insieme un nuovo e luminoso futuro.

FINE.





Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Yamato: Vota la tua produzione preferita.

Vota questo blog

classifiche

Riconoscimenti

In classifica
Pagine dal 06 Marzo 2010



Il numero massimo di utenti collegati in un giorno è stato di 96 il 03/02/2011.
Il numero massimo di pagine visitate in un giorno è stato di 406 il 21/07/2012.
Immagini totali visitate 55168.